Seduta su una ciambella. Più che un Parto, un incidente stradale.

Vi sto scrivendo seduta su un ciambellone. E questo potrebbe già dirvi molto del mio stato. Un ciambellone, per i non esperti, che serve se ti hanno tagliato ben bene sotto e ricucito senza se e senza ma. Fa male da morire. Seduta non puoi stare, in piedi non puoi stare, ok.. quindi? Non sono la Cristoforetti, per cui non mi rimangono alternative.

Non ho molto tempo, come potrete immaginare, fra poco devo tentare un allattamento che non riesce per cui, giusto due righe, per dirvi tutto quello che potrebbe capitarvi il giorno del parto, ma che non credo capiti così tanto spesso, per cui tranquille! Voi altre Keep Calm e Rimanete pure incinte senza paure.

Cuscino per post parti del cavolo!

Cuscino-Ciambella per post parti del cavolo!

  1. Rottura delle acque il mercoledì notte. Grandi risate, perchè ho bagnato tutto il divano in un modo ridicolo
  2. Voi non lo sapete ancora, ma quelle risate saranno le ultime per molto tempo. Vi dico solo che ancora non rido, a distanza di parecchi giorni. Anche perchè se rido, mi fa male tutto
  3. Esercizi di fiato a casa, per le contrazioni prodromicre, che non servono a molto. Il fiato va per conto suo. Il vomito pure
  4. In auto, direzione ospedale, verso le tre del mattino. Solo pavet. Non aggiungo molto. Temevo che T2 uscisse tra un semaforo ed un altro
  5. Pensavi di essere “pronta”, eh? Con il cacchio! Dilatazione a 2 cm, praticamente come già stavo nell’ultima settimana
  6. Dolori immensi, ti consigliano di fare una doccia calda. La doccia esce scozzese, per cui rinunci
  7. Giovedì mattina. Chiedi l’Epidurale. E’ più il tempo in cui perdi coscienza per il dolore, che quello in cui sai chi sei e chi te lo ha fatto fare.
  8. Rispondono: “E’ presto. Tempo al tempo. Quando nasce un bambino, nascono anche una mamma ed un papà, per cui ogni momento deve essere vissuto.
  9. All’affermazione di cui sopra, come rispondere. C’è poco da dire
  10. Per sopravvivere, cerchi di ricordarti che tra una contrazione ed un’altra ci dovrebbero essere delle pause, ed in quelle pause, puoi “riposare”
  11. Bene. Forse negli altri casi ci sono pause. Io ho avuto dolori continui a causa di un mal di schiena improvviso che mi ha abbandonato solo dopo il parto
  12. Alle 14.00 vado in sala parto. Grido: Epidurale
  13. “Si, si , ora arriva”
  14. L’avete vista voi?.. Io dopo parecchio tempo. Forse speravano sgravassi prima. Illusion
  15. Arriva la droga, ma non posso riposare. Mi devo mettere a 4 zampe per favorire la rotazione della bambina
  16. Ossitocina. Ok, allora voglio di nuovo l’Epidurale. Mai più vista
  17. T2 non esce
  18. Alle 20 e rotte circa del giovedì, per non farci mancare nulla: Episiotomia, Ventosa, Manovra di Kristeller, Raschiamento, Perdita di quasi due litri di sangue
  19. T2 si trasforma in Allegra, ma non la vedo un granchè con i dolori che ho e la corsa ugente, come nei film, di me in lettino verso l’ignoto di un’anestesia totale
  20. Febbre. Emorroidi importanti (e non l’ho detto io). Flebo di ferro, per evitare trasfusione di sangue

Non vado oltre, il tempo stringe. Ma non abbiate paura, c’è gente che partorisce normale e non torna a casa dopo 5 giorni di ospedale ancora tutta rotta.

Comments

comments

Previous Post Next Post

8 Comments

  • Reply Valentina ottobre 21, 2015 at 4:20 pm

    Madò Giorgiaaaa!!!! Un’avventura!!! L’importante comunque è che tu possa raccontarcelo qui oggi, sebbene seduta su una ciambella, con Allegra tra le braccia!! 😉

  • Reply francescabianca ottobre 22, 2015 at 1:33 pm

    oh santo cielo! mi dispiace tanto! spero che starai meglio presto, ma soprattutto spero che tu abbia qualcuno che ti aiuta, che ti tiene allegra ogni tanto, che ti spiega come allattare o che ti dice che se non riesci non muore nessuno! e se non ce l’hai… urla finché qualcuno non arriva!
    è bello rileggerti. non riderai ma l’ironia non l’hai persa!

    • Reply Stato di grazia a chi? ottobre 22, 2015 at 2:19 pm

      Grazie della solidarietà. La ripresa è lunga e faticosa. Con la forza di volontà mi sono rimessa in piedi il prima possibile. Ora ci deve pensare il corpo… Per fortuna ho tanto aiuto per ora. Dopo, eventualmente, accettando il tuo consiglio, urlerò 🙂

  • Reply Concetta ottobre 26, 2015 at 7:27 pm

    Mi dispiace! Ora però puoi dire che le sai proprio tutte riguardo anche al parto. Buona guarigione e spero che ti rimetta in forma il prima possibile. Baci

  • Reply Le prime cose dopo l’arrivo di Pablo Escobar | Stato di grazia a chi? novembre 11, 2015 at 1:41 am

    […] causa del mio stato di salute, e della degenza in ospedale, quando mio marito, pensando di farmi cosa gradita, mi ha chiesto: […]

  • Reply Un Tipo da Grandi Speranze | Stato di grazia a chi? marzo 11, 2016 at 7:36 pm

    […] giovane, ma non era prima il mio momento. Mi aspettavo un parto normale, ed invece mi sono beccata un incidente stradale. Mi aspettavo di essere una mamma curata. Ci sto provando. Non mi riesce sempre. Devo insistere! Mi […]

  • Reply Allegra: Buon Primo Compleanno! | Stato di grazia a chi? ottobre 8, 2016 at 12:07 pm

    […] chissà che ti aiuto ad uscire. Mi ricordo tanta di quella roba, da dirvi con certezza che No, non si dimentica un bel niente! Ma va bene così: perchè, quando passa tutto, arriva […]

  • Rispondi

    You Might Also Like