Serie Televisive per Genitori

Ammettiamolo: da quando i nostri pargoli sono venuti a farci compagnia, il tempo libero è talmente poco, che tutto ci sembra affascinante e misterioso. Impegnate a cambiare decine di pannolini al giorno, e a far loro altrettanti lavaggi; impegnate a far sempre qualcosa con loro, non sia mai che si annoino; tutto quello che esuli dal loro mondo, sembra trasgressione, ha il sapore del proibito, della cosa alla quale puoi solo ambire, e questo ti porta ad idealizzare anche solo andare a comprare la cover per il cellulare a Chinatown (non a Londra, ma a Milano) perchè ti sembra di fare un salto all’estero con Easy Jet.

Improvvisamente, sembrano diventare preziose anche le cose più stupide, perchè sai che non potrai farle. Un pò come quando ti fissi su quelle scarpe lì, non perchè ti piacciano particolarmente, ma solo perchè non c’è il tuo numero. Un pò come quando ti piacevano degli imbecilli, solo perchè non erano tuoi.

Figurarsi come ti paia ingiusto non poter più leggere e guardare dei film, considerato che quelle erano cose che già prima consideravi sacro sante. I libri e la tv sono ormai dei cimeli, degli oggetti che servono a raccogliere polvere in casa. Sono oggetti da refurtiva, che aspettano di essere venduti. Sono pezzi di antiquariato, che ti ricordano epoche che chissà quando ritorneranno.

Sui libri, ci abbiamo messo una pietra sopra: richiedono un’attenzione che ora non ci possiamo permettere. Per i film, abbiamo abbracciato l’opzione serie televisive.

Le serie tv non le ho mai amate. Il motivo è semplice, ho il terrore della dipendenza: ho sentito di gente cercata a Chi l’ha visto e rintracciata parecchio tempo dopo in casa, con il pigiama di mesi prima, incollata alla tv.

In questo momento storico, sono costretta a cambiare idea, perchè sono diventate l’unico modo, prima di spegnere la luce sull’ennesimo giorno di pannolini-cacca-pipì-nanna-pappa-gioco-tappetino-passeggino, per evadere. Rispetto ad un film, abbiamo buone speranze di vedere la fine (della puntata intendo). Se a voi pare niente, vuol dire che avete delle tate permanenti. Ilary Blasi, il mio non è un blog per te!

Tutto è cominciato un paio di settimane fa. Abbiamo impiegato una sera a scegliere tra Netflix o Sky. Così, abbiamo bruciato la prima serata. Pazzi! Ci abbiamo impiegato un’altra sera per decidere la serie tv, scremando fra i primi minuti di quelle che capitavano a tiro. Così, abbiamo bruciato la seconda serata. Pazzi! La terza volta è andata meglio, perchè abbiamo cominciato.

locandina

La serie vincitrice è stata Narcos. La Colombia & il traffico di droga, sono talmente distanti da Pannolini & Latte, che l’evasione è stata totale. Proprio come due neogenitori, ipso facto rimbambiti, ci siamo visti la prima puntata in spagnolo con sottotitoli in inglese. Considerando che non siamo trilingue, capirete che fatica! Siccome non era il momento per fare dell’E-Learnig, la sera successiva abbiamo trovato i sottotitoli in italiano, e la visione è andata più liscia.

Una volta, illudendoci (non so per quale motivo), abbiamo visto addirittura 3 puntate una dietro l’altra. Giustamente l’abbiamo pagata: non appena infilati sotto le coperte, lei si è svegliata iraconda e ci ha fatto scontare la leggerezza. “Te lo dò io il traffico di droga” pareva urlare.

Domenica scorsa, siamo arrivati all’ultima puntata. Lei, a 20 minuti dalla fine, si è svegliata. E lo sappiamo tutti che lo fanno apposta! Ogni 3 minuti, mettevo in pausa. Pareva quietarsi, ma fingeva. Play-Pausa. Play-Pausa. Play-Pausa. Sono stati i 20 minuti più lunghi della storia del cinema.

Siamo riusciti ad arrivare alla fine e, mentre Escobar scappava, rimandando ad una seconda serie, lei piombava nel sonno dei giusti. Ora va trovata un’altra serie. Se siamo astuti, e se  lei non se ne accorge, potremmo riuscire a non pensare a pannolini-cacca-pipì-nanna-pappa-gioco-tappetino-passeggino per una quarantina di minuti ogni sera.

 

Comments

comments

Previous Post Next Post

8 Comments

  • Reply Concetta gennaio 27, 2016 at 10:57 pm

    Molto divertente, ma talmente realistico! Noi stessa situazione ma due anni fa, scegliemmo Gomorra-La serie.
    Baci

    • Reply Stato di grazia a chi? gennaio 28, 2016 at 6:25 pm

      Quind, Concy, aspetto 2 anni per vedere in film intero? o mi dai speranza prima ? 🙂

  • Reply Blu febbraio 2, 2016 at 9:03 am

    almeno due anni…oppure iniziarlo alle 2 di notte, ma senza garanzie ^_^
    consiglio Romanzo Criminale, Weeds e Downtown Abbey.

    • Reply Stato di grazia a chi? febbraio 2, 2016 at 11:04 am

      Alle 2 di notte lei è piuttosto arzilla… siamo noi che nn ci reggiamo in piedi 😂

  • Reply Pamela febbraio 2, 2016 at 9:29 am

    Fantastico!! Se vuoi un consiglio per la prossima serie…PRISON BREAK…solo che rischi davvero di non staccarti più!!

  • Reply Ilaria febbraio 2, 2016 at 10:34 am

    Ahahah quanta verità in questo blog:) presente,pargolo di tre mesi al seguito,noi abbiamo visto addirittura tre puntate quando aveva un mese!:) ora che ne ha tre si aprono scommesse se riusciremo a vedere la fine!!:)

    • Reply Stato di grazia a chi? febbraio 2, 2016 at 11:07 am

      Ma allora siete dei coraggiosi!!! Tanta ammirazione e tanta solidarietà allora, visto che stiamo facendo la strada insieme 🙂

    Rispondi

    You Might Also Like