Che figata avere 6 mesi!

Siamo arrivati ai 6 mesi. I fatidici mesi da svezzamento. Giusto ieri eri riuscita a riprenderti del tempo per te, e oggi già ti ritrovi di nuovo in prigione. La giornata, come nelle migliori carceri televisive, è scanditissima. Ogni ora, un’attività per tenerti impegnata la mente. A noi mamme, però, un pò di alienazione a non fare un benemerito, non è che ci sarebbe dispiaciuta. Ma tant’è! Le nostre, di giornate, sono scandite aritmicamente. Sono suddivise in modo che non sfugga manco mezz’ora. Altrimenti siamo fottute! Non puoi sgarrare, hai un preciso programma da attuare e non ci sono ma.  Latte/frutta/pappa/latte/frutta/pappa. A parte il latte, il resto ti tocca pure preparalo, largo circa* (come dicono a Milano).

I 6 mesi, che ti parevano un miraggio circa 3 mesi fa. Si, siamo nel ridicolo, lo so. Pareva che a 6 mesi ci sarebbe stata la rivoluzione. Niente più seno (o biberon) dipendente e, di colpo, avrebbe detto le sue prime parole, avrebbe gattonato e, magari, si sarebbe pure fatta il bagno da sola! Invece, ti rendi conto che già solo far accettare un cucchiaino con della frutta è una lunga battaglia, figuriamoci vederla bersi un mojito a bordo jacuzzi.

I suoi 6 mesi li aspettavi come i tuoi 16 anni. Quando eri giovane e tutto si reggeva da solo, e stava dove doveva stare, e prendevi il sole, in spiaggia, dalle 12 alle 16. L’unico orario di tutto rispetto!

Ora …tu hai 3x anni, e lei 6 mesi. Tu hai della tapioca nella frangetta, mentre lei ti prende per il culo.

Ti sei inchiavicata con il sole delle 7 del mattino, da questa estate in avanti. Tanto a lei che glie frega! Presto o tardi arriverà a 16 anni, e si potrà godere il tuo di sole, quello delle 12! Mentre la mamma (TU) le dovrà preparare il pranzo.

Passatemi dei kleenex, che mi devo pulire dalla tapioca che mi è caduta su una lacrima!

 

*Spero capiate. Io ci ho messo un paio d’anni.

Comments

comments

Previous Post Next Post

4 Comments

  • Reply Marica aprile 12, 2016 at 8:05 am

    Quanto è vero….era così bella la tetta pronta in ogni momento e trasportabile senza bagaglio aggiuntivo.
    Ora pranzo alle 12, cena alle 18,30/19, se vuoi fare commissioni o esci all’alba e alle due di pomeriggio, o sul più bello devi scappare a casa a preparare la pappa.
    Ma sappi che c’è la luce in fondo al tunnel…..i panini….coi denti, e un po’ di dimestichezza col bolo alimentare, ci salveranno la vita, le gite, le vacanze…..evvaiiiiiii!!!!

    • Reply Stato di grazia a chi? aprile 12, 2016 at 7:58 pm

      Ritmi frenetici, e poi, alle 18.00 ti accorgi che ti stai lavando i denti per la prima volta. Allora si va di panini? 🙂

  • Reply Mamma avvocato aprile 14, 2016 at 9:17 am

    Tieni duro, e’ una fase di transizione ma, se non sei una fanatica di tabelle e cibo super biologico fatto in casa, durerà poco!

    • Reply Stato di grazia a chi? aprile 14, 2016 at 10:40 am

      Grazie mille! Devo dire che, in due giorni, abbiamo fatto passi da gigante. La sta finendo tutta. Oggi devo inserire le verdure, speriamo apprezzi 🙂

    Rispondi

    You Might Also Like