Mamme, non sono altro che ragazze piene di sogni.

Noi Mamme: Ragazze piene di sogni

Alle volte avrei bisogno di un bicchiere di vino. Su una spiaggia o, comunque, in un posto molto silenzioso. Dove clacson, incazzature e diverbi metropolitani, non possano arrivare.
Un luogo nel quale si sentano solo suoni e odori delle natura. E le risate, e qualche battuta, e solo tutto quello che può essere riconducibile all’amicizia, all’affetto, all’amore.


Alle volte avrei bisogno di mettere PAUSA. Di essere chiara con la vita: “Senti, cara mia, dammi un attimo. Non correre, ma, soprattutto, non stare sempre lì a rovinare tutto. Non ricordarmi di chi vince sempre. Di chi vince facile. Statti tranquilla per un momento. Tanto, poi, la partita è tua.”.

Alle volte, avrei bisogno di questo. Di starmene tranquilla, felice. Come avessi ventanni, anzi no, quindici. Senza paura di non avere abbastanza tempo per fare una serie di cose. Senza paura che certe cose potrebbero essere definitive.
Avrei bisogno del vento, mentre corro più veloce della luce. Mentre salto da uno scoglio e mi tuffo nel mare. Con il cuore in gola di felicità. Senza se e senza ma.

Da una mamma ti aspetti tanto. Sia quando sei figlia, che quando lo diventi, mamma.
Poi, invece, ti accorgi che una mamma è una persona.
Una tipa che vorrebbe fare un sacco di cose. Che vorrebbe avere possibilità e tempo per sperimentare, per sbagliare e fare una marea di cazzate.
Una ragazza che vorrebbe vincere. Almeno ogni tanto. E vorrebbe avere il tempo per farlo. E la speranza di riuscirci. Anche senza sudare sempre e troppo. Decisamente troppo.
Una mamma, qualunque età abbia, vorrebbe sempre tornare ad essere quella ragazza lì. Con i capelli sciolti, al vento. Gli occhi profondi, pieni di fiducia, che quasi ci si affoga.
Quella che si tuffa dagli scogli, con il cuore in gola. Di felicità.

Comments

comments

Previous Post Next Post

2 Comments

  • Reply mamma avvocato aprile 28, 2017 at 2:50 pm

    Quanto è vero ciò che scrivi!!!

    • Reply Stato di Grazia a Chi aprile 28, 2017 at 2:53 pm

      Eh si…. ci sono momenti che ce lo dobbiamo ricordare a vicenda 😉

    Rispondi

    You Might Also Like