Seconda gravidanza, differenze con la prima

Le seconde gravidanze: differenze fra la prima e la seconda volta

 

Le seconde gravidanze, quelle che:

– “Non ti affaticare, faccio io”, manco il tempo di finire la frase e l’autore è glà sparito

– Non sai mai a che mese sei. A stento ti ricordi la data del parto

– Schiacci la panza contro qualsiasi cosa, non ti ricordi mai di essere incinta, è più forte di te

– Rimandi tutto all’ultimo momento, sperando di ricordarti almeno di partorire

– “La seconda volta si partorisce prima, ed è tutto più facile”. Dici? Tutte io le conosco le mamme che hanno fatto l’induzione la seconda volta?

– Ti senti esperta come fossi all’ottavo figlio. Dai consigli alle primipare come fossi un mix tra una ginecologa, un’ostetrica ed Eva, la madre dell’intera umanità

– I mariti, rispetto alla prima volta, sono presenti come quelli dei film Western.. quali? Quelli con la scritta Wanted sotto la faccia

– “Stai tranquilla, hai già partorito, ora sai cosa aspettarti”, appunto, per questo c’è poco da star tranquilla

– Non controlli il peso, tanto lo sai che il problema non sono i chili in gravidanza, ma quelli di dopo

– Tutti a domandarsi come stia il primogenito, se soffra, se sia geloso …. e nessuno che ti chieda come stia tu

– Riposarsi? Si vabbè

– La scelta del nome ti sta talmente a cuore che, alla fine, decide il primogenito: ecco il perchè di tanti nomi improbabili in giro

– Non hai i problemi di insonnia della prima volta. Ormai non dormi dalla prima gravidanza, manco ci fai più caso

– Vivi un mix tra la voglia di partorire il prima possibile e il terrore di avere un bimbo nuovo, in carne e ossa, in casa

– A differenza della prima volta, non devi organizzare la sua camera, già ce l’hai. Peccato che sia strapiena di giochi che non sai manco dove mettere la culla

– “Ho già tutto. Non comprerò nulla, sta volta”. Poi sai com’è … c’è stato il black friday

– Ora lo sai: dopo il parto non dimentichi proprio nulla. Non sarai subito in forma. Vivrai con una ciambella sotto le chiappe, per molti giorni. Ebbene sì: esistono le emorroidi, i punti e molti altri c x x x i! Non hai scuse per essere depressa. Sapevi tutto e ti sei data tu la zappa sui piedi

– “Mi raccomando, signora, qualche giorno prima del parto, si tolga lo smalto” . Peccato! Ce l’ho sbeccato dalla prima gravidanza, mi stavo affezionando

– “Un’altra femmina? Povero padre! Un altro maschio? Povera te! Un maschio ed una femmina, peccato però, così non giocheranno insieme”. Ok, la prossima volta ci sediamo tutti intorno ad un tavolo e concordiamo un’alternativa

– “Visto che ne hai fatti due, potete anche fare il terzo. La triade va di moda”. Finiamo di pagare il mutuo però, intorno ai settant’anni sarebbe perfetto!

 

Previous Post Next Post

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply