Browsing Category

Racconti di Gravidanza

Quando si dice che la Notte porta Consiglio….Sappiate che lo porta tramite Chat

La notte fra giovedi 10 e venerdi 11, finalmente dormivo della grossa. Recuperavo la nottataccia precedente, fatta di caldo e permanente. Eh si, perchè visto che ho la temperatura corporea di un termosifone al 31 dicembre, sudo ed i capelli mi si cotonano diventando come quelli di Fiorella Bella. Che tristezza! Vi assicuro che prima ero una donna meglio ! Continue Reading

L’ennesimo post sul mese di Settembre. Ma scusate se il mio è un pò più speciale.

Settembre è un mese speciale. E’ il mese della smemoranda. E’ il mese dell’ultimo confronto sull’abbronzatura con le amiche. E’ il mese per recuperare la cotta rimasta in sospesa a giugno, o per coltivare quella nata ad agosto. E’ il mese in cui comincia l’amore epistolare. E’ il mese del peeling. E’ il mese dei film di quest’anno. E’ il mese dello sviluppo dei rullini. Continue Reading

Il Countdown per il Parto

Ridendo e scherzando, è arrivato il momento di guardare il calendario in modo diverso. Ci siamo: da questo momento la borsa deve essere preparata per il fuggi-fuggi improvviso. Ogni gita fuori porta in un Paese in via di Sviluppo, senza un ospedale a portata di taxi, deve essere possibilmente evitata. Continue Reading

Cosa voglio subito dopo il parto

Avete mai fatto caso come i film americani raccontano i momenti successivi al parto? Vabbè, anche il parto stesso, che dura un massimo di dieci minuti dopo la rottura delle acque. Una mega secchiata d’acqua, zero travaglio, immediata espulsione. Ma non è di questo che voglio parlare oggi, ma del  dopo parto ed in proposito vi faccio un paio di domande: Continue Reading

Quando ad Ilaria D’Amico entrano bei vestiti gialli. Quando a noi rimangono incastrati dallo sterno in giù.

Io sto al calcio come il senso civico sta all’italiano medio. Non solo non ne capisco nulla, ma lo odio proprio. E ora che pare sia iniziato il campionato, in casa comincia anche una piccola guerra civile combattuta a suon di telecomando e telecronache. Queste ultime interpretate da me:  da un lato sfotto il telecronista, dai toni perennemente drammatici, che sembra annunciare sempre notizie tragiche sull’attacco degli alieni alla Terra, dall’altro sfotto i calciatori che mi paiono tutti ragazzini a cui siano mancati sonori schiaffoni in tenera età. Continue Reading

Sarò all’ altezza?

Non so se questo post nasce dall’altitudine nella quale mi trovo, o dal cielo plumbeo di oggi, che ci costringe nella silenziosa casetta svizzera, a guardare fuori la finestra le pesanti nuvole che coprono le cime delle montagne. La riflessione potrebbe nascere anche dal fatto che qui, finalmente con un po’ di quiete e molti meno pensieri, c’è più tempo per meditare. Continue Reading

Il Dramma di ogni genitore: La Scelta del Passeggino

Ore 00.00

Io: “ Ma dai, lo facciamo anche stanotte?

Lui: ” Si, ormai ci ho preso l’abitudine! Non mi pesa più”

Cosa facciamo io e mio marito ogni maledettissima notte da un mese a questa parte? Facile! Con tablet alla mano, cerchiamo passeggini! Una ricerca completamente usurante, devastante, la più dura dei miei ultimi anni. E’ un tunnel senza luce, senza ritorno, senza  fine. Continue Reading

Welcome Back my Feet.

Oggi li ho rivisti. Spuntavano sotto il lenzuolo. Non metto il lenzuolo per questione di temperatura (mi pare anche inutile dirlo) ma di decoro. Perchè il letto senza lenzuolo non si può vedere, e perchè hai visto mai che il ventilatore ti faccia venire un colpo d’aria. Continue Reading