Browsing Tag

Attesa

La Mamma Lavoratrice e Quella che No

Nell’ aspra ed insensata guerra fra povere mamme , è degna di nota quella su chi un lavoro (in ufficio) ce l’ha, e chi un lavoro ce l’ha solo a casa (casalinga). Non importa a quale delle due categorie tu appartenga, tanto, te lo dico per certo, tu vorresti appartenere all’altra! Continue Reading

Quelle Giornate No

Quanto vorrei fare la figa e raccontarvi che non c’è niente di più facile che stare a casa tutto il giorno con il vostro fagottino. Come vorrei darmi (vi) l’immagine che leggo nei blog di successo, in un sacco di commenti ma in pochissime chiacchiere telefoniche, su what’s app e vis à vis. Continue Reading

E’ nata T2!

Se state leggendo questo post vuol dire che, dopo zanzare assassine, caldo africano, tunnel carpali, timpani musicali  (e tutto il resto lo sapete) finalmente è arrivata T2.  La bimba che, con tutti i disturbi fisici che mi ha causato in questi nove mesi, ora dovrà trovare il modo di farsi perdonare. Continue Reading

Il Gel, l’Ossitocina e la Palla del Pilates

Io sono l’ultima del mio corso a partorire. E questo mi mette una certa ansia. Con i primi giorni di settembre ci sono stati i primi sgravi di pesi, ed io attendo gli ultimi per chiudere il mese, ed il conto con la bilancia. Sono lettrice attenta, anche per questo, delle chat notturne. A parte la solidarità ed il piacere di sapere come e quando le mie amiche hanno partorito, ho anche l’interesse del case study. Un mix tra l’Ispettore Colombo e Derrick, Il Dr Oz e Vogue Bambini, analizzo i casi per capire cosa toccherà a me.

Continue Reading

Lo Stato di Grazia non mi molla più.

Mancando poche settimane al parto, avrei immaginato di non soffrire più degli annessi & connessi dello Stato di Grazia di tua sorella.  Invece, non solo sono tutti presenti  all’appello, ma se ne è aggiunto un altro: un autodiagnosticato Tunnel Carpale. Ali mortxxxi!  Continue Reading

Il Countdown per il Parto

Ridendo e scherzando, è arrivato il momento di guardare il calendario in modo diverso. Ci siamo: da questo momento la borsa deve essere preparata per il fuggi-fuggi improvviso. Ogni gita fuori porta in un Paese in via di Sviluppo, senza un ospedale a portata di taxi, deve essere possibilmente evitata. Continue Reading

Welcome Back my Feet.

Oggi li ho rivisti. Spuntavano sotto il lenzuolo. Non metto il lenzuolo per questione di temperatura (mi pare anche inutile dirlo) ma di decoro. Perchè il letto senza lenzuolo non si può vedere, e perchè hai visto mai che il ventilatore ti faccia venire un colpo d’aria. Continue Reading